Flux rss en fonction de votre recherche RINIZIALIZZARE
Posta elettronica professionale

Posso accedere alla posta elettronica di un collaboratore ?

Introduzione

Per eseguire un compito, un capo servizio ha bisogno di riferirsi a un messaggio di posta elettronica che era stato spedito da un impiegato. Quest’ultimo è assente e non ha preso nessuna misura per rendere i suoi messaggi professionali accessibili nonostante che, secondo le procedure di lavoro interno, l’informazione trattata da questo collaboratore dovrebbe essere accessibile nei dossier condivisi.

Avviatore

Il capo servizio si rivolge alla direzione delle risorse umane (DRU) per ottenere la password dell’impiegato. La DRU rifiuta di dar seguito alla sua richiesta.

Peripezia

Il capo servizio cerca poi di mettersi in contatto con l’impiegato tramite un messaggio elettronico che resta senza risposta e per telefono. Apprende dalla moglie dell’impiegato che quest’ultimo è appena entrato in sala operatoria e che il suo stato è preoccupante.

Risoluzione

Il capo servizio si rivolge di nuovo alla DRU esponendo la situazione in cui si trova: non può svolgere il suo compito senza questo elemento d’informazione. La DRU mantiene il suo rifiuto e invita il capo servizio ad aspettare il ritorno del suo collaboratore o a rivolgersi al destinatario del messaggio.

Conclusione

Senza il consenso dei suoi collaboratori, il capo servizio non ha accesso alla loro posta elettronica.

timbre signification

Raccomandazioni

Delle direttive devono essere elaborate riguardanti l’uso della posta elettronica. In mancanza di regole chiare, l’accesso alla posta elettronica di un collaboratore è possibile solo per ragioni serie e obbiettive.

Prinicipi di base

Cst. 13 al. 1 ; CP 143, 179novies e 321ter

 ; CO 328 e 328b

Diritto al rispetto della sfera privata compresa la corrispondenza; protezione del lavoratore.

Esempio concreto

Scenarii legati alla ricerca